News
Museo del Fumetto - Fumetti Domicilio Smal

Da venerdi 27 marzo lezioni, incontri e live in diretta streaming sulle pagine FB del Museo e della Scuola del Fumetto di Cosenza

Il Museo e La Scuola del Fumetto di Cosenza propongono una serie di lezioni, incontri e live con i protagonisti del fumetto italiano.

Le recenti disposizioni ministeriali del Governo, adottate per contrastare l'avanzata del Covid19, hanno bloccato, come per tutti, le consuete attività in sede. Da venerdì 27 marzo quindi, spostandoci tutti nel web, ci sarà la possibilità di proseguire sia la didattica che gli incontri con autori, sceneggiatori, disegnatori e operatori culturali, facilitando, in questo modo, la fruizione degli eventi senza limiti territoriali.
Nella speranza di poterci incontrare al più presto, con l'augurio che questo brutto momento passi presto vi aspettiamo sui nostri canali, con il calendario degli eventi che trovate di seguito.

Venerdì 27 Marzo
ore 16.00
IL VOLTO E LA TESTA
Lezione di disegno con Quirino Calderone
autore SBE e docente Scuola del Fumetto di Cosenza

Sabato 28 Marzo
ore 16.00
COME VITE DISTANTI
Il fumetto italiano disegna da casa
se ne parla con Stefano Piccoli, Arf Festival

Domenica 29 Marzo
ore 16.00
GRAPHIC JOURNALISM
Incontro con Luigi Politano, editore Round Robin

Lunedì 30 Marzo
ore 16.00
CASSIDY
Presentazione della miniserie edita da Sergio Bonelli Editore
con Pasquale Ruju, sceneggiatore

Martedì 31 Marzo
ore 16.00
IL PREMIO STREGA E I FUMETTI
Incontro con Stefano Petrocchi, Direttore Fondazione Maria e Goffredo Bellonci

Mercoledì 1 Aprile
ore 16.00
IL CENTRO FUMETTO “ ANDREA PAZIENZA “
incontro Michele Ginevra, operatore culturale e responsabile CF “APAZ”

Giovedì 2 aprile
ore 16.00
SHOCKDOM EDIZIONI
incontro con Lucio Staiano, editore

Venerdì 3 aprile
Ore 16.00
FUMETTI
Incontro con Laura Scarpa, autrice ed editore di Comicout

A seguire nei giorni successivi: lezione di CARACTHER DESIGN con Andrea Scoppetta; Lezione di disegno dedicata ai SUPEREROI con Giancarlo Caracuzzo autore per Marvel, Dc Comics; Presentazione del fumetto ZATLAN, edito da Feltrinelli Comics con l’autore Paolo Castaldi; Live set di Dario Sansone, cantautore, regista e frontman dei Foja.

Le attività del Museo del Fumetto e de La Scuola del Fumetto di Cosenza sono a cura di Cluster Società Cooperativa

Museo del Fumetto - Quasirosso 2020

In occasione del workshop de La Scuola del Fumetto di Cosenza, tenuto da Giovanni Esposito, alias Giò Quasirosso, è stata inaugurata una mostra con i disegni del giovane artista napoletano. Per conoscerlo meglio vi riproponiamo una versione parziale di una bella intervista fatta all’artista da Zara Shakere e pubblicata sul sito lateralpost.wordpress.com.

Giovanni è un giovane illustratore che abbiamo trovato su Instagram parecchio tempo fa e siamo finalmente riusciti a pubblicare una sua intervista. Ci tenevamo molto che lui partecipasse al nostro progetto dato il suo approccio al mondo femminile spesso protagonista nelle nostre interviste.

Ciao Giovanni, vedendo i tuoi disegni abbiamo subito notato un particolare interesse nel ritrarre donne nel pieno della loro intimità o immerse nei loro pensieri. Cosa scaturisce questo voler raffigurare un mondo così complicato e vasto come quello femminile?
Da bambino ho sempre disegnato super eroi, ninja o in genere personaggi dei cartoni animati. Per qualche anno poi smisi di disegnare perché non pensavo potesse essere la mia strada, sembrava una perdita di tempo. Conobbi poi una ragazzina, anche lei disegnava. Per impressionarla ricominciai ad usare le matite e da quel momento non ho più smesso. Fu la mia prima vera cotta e lì probabilmente nacque l’interesse verso un mondo abbastanza estraneo per me: quello femminile. Son rimasto folgorato sia dall’eleganza e dalla raffinatezza delle forme, quanto dalla dolcezza e dalla carica erotica che molte donne riescono a tirare fuori (anche inconsciamente) in momenti quotidiani. Quel che mi piace fare è cogliere esattamente quel momento.

Sempre in merito alla prima domanda, a cosa pensi quando raffiguri le tue donne. Provi a vedere il mondo attraverso i loro occhi? Oppure semplicemente osservi molto attentamente il loro universo dall’esterno, da spettatore?
Non credo sia possibile vedere attraverso gli occhi di una donna, posso solo provare ad immaginare, quindi nella gran parte dei casi osservo. Difficilmente dietro ciò che disegno però manca una componente di vita vissuta. Ogni donna che passa nella mia vita lascia necessariamente qualcosa che spesso, anche senza volerlo, ritrovo nelle mie illustrazioni. Uno sguardo, un colore, una curva, un gesto, anche un odore… qualsiasi cosa può lasciare un’impronta. C’è una canzone di uno che aveva più talento e cervello di me: Fabrizio De André, che ne ‘Le passanti’ canta proprio di questo.

Ci ha colpito particolarmente il tuo stile, uno stile che va dall’abbozzato all’essere un vero e proprio manifesto di dettagli ed entrambi gli stili possiamo ritrovarli in un unico disegno. Questo c’entra con il tuo carattere? Con il modo che hai di vedere il mondo circostante?
Ogni illustrazioni ha esigenze diverse dettate da ciò che si vuol raccontare. Ho sempre cercato di non fossilizzarmi su un solo modo di fare proprio per potermi permettere questa libertà. Ci son situazioni nelle quali bastano poche linee per raccontare tutto, dove anche un solo segno in più risulterebbe fastidioso per l’armonia generale dell’illustrazione; mentre in altre mi lascio totalmente andare ad una danza di forme, colori e dettagli, mi capita proprio di vederle certe cose, tipo spesso in treno osservo persone e nella mia testa iniziano o ad aggiungersi o a sottrarsi particolari. Devo solo tornare a casa e mettermi a tavolino.

Dal tuo profilo Instagram abbiamo notato con piacere che ti dai anche da fare con la musica. Come influenza, questa, i tuoi lavori?
Non siete i primi a sottopormi questa domanda, immagino di dover pubblicare meno video dei miei deliri musicali su Instagram. Sono in buoni rapporti con la musica: ne ascolto tanta, e tanta ne passa attraverso la mia matita. Il suono spesso influenza quello che è il gesto, quindi il genere varia a seconda di quel che devo disegnare. Ascolto molto dal Jazz, al rock, al pop, ai nuovi personaggi del panorama “indie” italiano fino ad arrivare anche a pezzi come 4’33” di John Cage. Spesso provo anche a disegnarla, la musica, e sono esperimenti che funzionano bene. Com’è nata la tua passione per il disegno? C’è qualche pittore a cui ti ispiri? Per quanto mi riguarda è stata una cosa abbastanza naturale: ho iniziato a disegnare come tutti i bambini immagino, solo che non ho più smesso. Caravaggio, Klimt, Schiele, Lautrec, Picasso, Duchamp, Hopper… fermatemi, vi prego.

Museo del Fumetto - 26961723 234483550426750 5957270578047990960 OMuseo del Fumetto - 28828048 252559348619170 5847581404859061899 OMuseo del Fumetto - Isla Fullxfull36542689 7b62s1li 2

Museo del Fumetto - 2BAFED9826E542DFA49B92663269B9F7

 

Dal 16 al 20 luglio 
Museo del Fumetto 
Via Salita Liceo 1
87100 Cosenza

Orari di apertura
Dalle 19.00 alle 22.00
biglietto unico euro 3,00  

In occasione della XXI edizione della Festa delle Invasioni, rassegna musicale della città di Cosenza, il Museo del Fumetto mette in mostra le opere legate al rapporto tra la musica e il fumetto.

Le Nuvole Di De Andrè
Una parte importante dell’esposizione, curata da Vincenzo Mollica nel 2009, e patrocinata dalla Fondazione De Andrè, sarà esposta al pubblico con opere di autori che hanno saputo reinterpretare le canzoni e la poesia di Faber, mettendo su carta personaggi come Bocca di Rosa, Il Giudice, Il Pescatore, Piero e Marinella.
Tra gli autori in mostra: Tanino Liberatore, David Vecchiato, Alberto Corradi, Ale Giorgini, Bruno Brindisi, Giancarlo Caracuzzo e molti altri.

O’ Diavolo
anteprima nazionale
I disegni originali del graphic novel, scritto dall’ex leader dei 24 Grana, Francesco Di Bella, insieme a Luca Scornaienchi e disegnato da Luca Ralli, il copertinista di Stefano Benni saranno esposti nella cupola centrale del Museo attraverso un allestimento che mette in evidenza la connessione tra le illustrazioni e le sonorità del disco a cui il fumetto è ispirato.

Alfonso Rendano
Una sezione sarà dedicata al pianista Alfonso Rendano, attraverso la reinterpretazione in chiave pop di artisti come Zelda Bomba e Roberta Cerise, e la poetica minimale del webcomics Gianluca Gallo.

RITRATTI
In mostra anche ritratti di cantautori e band celebri, da Vasco Rossi a Jim Morrison, nei disegni di Vincenzo Giordano ed Enzo Rizzi, entrambi autori di volumi dedicati alla storia della musica da Nicola Pesce Editore.

Durante il percorso espositivo ci sarà la possibilità di vedere opere che appartengono alla collezione permanente del Museo e che raccontano cosenza, la sua storia, le sue leggende. Dalle tavole originali del celebre albo di Dylan Dog, ambientato a Cosenza, edito dal Festival Le Strade del Paesaggio in collaborazione con Sergio Bonelli Editore alle pagine di Martin Mystere, dove il detective dell’impossibile, creato da Alfredo Castelli, è alle prese con la ricerca del tesoro di Alarico.

Nei giorni di apertura allievi e docenti de La Scuola del Fumetto saranno impegnati a disegnare dal vivo all’interno del vecchio monastero di Santa Chiara e confrontarsi con quanti vogliano intraprendere un percorso professionale dedicato al disegno e all’animazione.

 Le attività del Museo del Fumetto e de La Scuola di Fumetto sono a cura di Cluster Società Cooperativa.

 

Museo del Fumetto - Scuola Fumetto 2018

A partire dal mese di novembre saranno attivi i nuovi corsi di fumetto base e fumetto per bambini .Vari moduli formativi dedicati a quanti vogliono avvicinarsi alla nona arte per comprenderne tecniche e complessità.
Il percorso formativo, che ha dato esiti positivi durante i vari laboratori tenutisi negli anni scorsi ha da sempre riscontrato un alto gradimento negli studenti che hanno scelto i nostri corsi. Le varie collaborazioni del Museo con le maggiori realtà del settore a livello nazionale ed internazionale ed il profilo qualitativo dei docenti che spazia da Massimiliano Veltri, disegnatore per Marvel America a Luca Maresca, disegnatore Bonelli Editore, assicura un primo ed importante momento di formazione sulle tecniche del fumetto e tutto ciò che questa disciplina comprende: storia del fumetto, sceneggiatura, disegno dal vero, nozioni di regia, realizzazione di una tavola dalla matita fino al colore, nelle sue varie forme. Un percorso strutturato che attraverso diversi incontri settimanali garantisce l’apprendimento delle varie tecniche legate alla realizzazione del fumetto.
Da quest’anno, in collaborazione con l’associazione Culturale Entropia, i nostri corsi saranno attivi anche presso L’Università della Calabria negli spazi del DAM.
Per informazioni e iscrizioni visita la sezione Scuola di Fumetto del nostro sito oppure contattaci al numero di telefono 3335057534.

News

Per offrirti una migliore esperienza di navigazione, il nostro sito utilizza cookie propri e di terze parti.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso all'uso dei cookie clicca su "Maggiori informazioni".
Continuando nella navigazione acconsenti all'uso dei cookie